Quotidiano Ligure

28 maggio 2008

Genova – Al via la campagna Ama i Tuoi Occhi

Filed under: Genova — Redazione @ 2:14 pm
Tags: , , ,

Arriva a Genova la Campagna “Ama i tuoi occhi” promossa da SIFI per sensibilizzare la popolazione sulla degenerazione maculare legata all’età (DMLE), patologia che colpisce gli over 50 e costituisce una delle prime cause di cecità in occidente.

In Italia ne soffre circa un milione di persone, in Liguria oltre 30mila (7mila solo a Genova), e il suo impatto è destinato ad aumentare considerato il progressivo invecchiamento della popolazione. Si stima che nei prossimi 15 anni saranno sei milioni gli italiani con DMLE.

Nonostante ciò, un’indagine dell’Eurisko ha rilevato che oltre il 70% degli italiani non ha mai sentito parlare di degenerazione maculare senile e, tra i pochi che la conoscono, solo il 5% è consapevole dell’importanza della prevenzione. Percentuali che non si discostano da quelle della Liguria dove solo il 30% della popolazione conosce la malattia e, tra coloro che ne hanno sentito parlare, solo il  5%  sa come prevenirla.

“La DMLE è una malattia cronica che colpisce la parte centrale della retina, la macula, che progressivamente si deteriora compromettendo la visione distinta delle immagini” ha spiegato il professor Giovanni Calabria, Direttore della Clinica Oculistica, Di.N.O.G, Università degli Studi di Genova, Azienda Ospedaliera Universitaria San MartinoLa diagnosi precoce, che può essere fatta solo da un oculista attraverso l’osservazione del fondo oculare, è fondamentale per arrestare tempestivamente la progressione della malattia e limitare l’entità dei danni visivi.”

SIFI ha deciso di organizzare la Campagna “Ama i tuoi occhi” proprio per informare la popolazione e offrire la possibilità agli over 50 di effettuare una visita oculistica gratuita a bordo di un originale bus inglese con i caratteristici due piani, attrezzato con sei postazioni diagnostiche a disposizione del pubblico dalle ore 10 alle 19.

Il bus, che ha già fatto sosta a Catania, Bari, Ancona, Roma e Firenze oggi è arrivato a Genova dove rimarrà in via della Mercanzia fino a venerdì 30 maggio, per poi proseguire in altre tre città della Penisola (Padova, Monza e Milano).

Al termine della visita i pazienti riceveranno una card, personalizzata con il timbro della struttura di riferimento, con l’invito ad effettuare una visita oculistica accurata entro un mese, tre mesi o sei mesi  a seconda del giudizio del medico e un opuscolo informativo sulla patologia e sui relativi fattori di rischio, completo di consigli per la prevenzione oftalmica.

Attivi anche il numero verde 800.910642 per prenotare la visita gratuita e il sito http://www.amaituoiocchi.it dove trovare tutte le informazioni sulla campagna e  le tappe.

“Questa Campagna” ha commentato il professor Pietro Rossi, direttore dell’Unità Operativa di oculistica, Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino “è meritoria perché promuove la prevenzione, fondamentale nel caso di patologie oculari gravi e invalidanti come la DMLE.”

“È importante far conoscere meglio questa malattia” ha proseguito il dottor Francesco Calcagno, Direttore del Centro di chirurgia oculare dell’Ospedale Evangelico internazionale di Genova “e, soprattutto, educare a riconoscerne per tempo i sintomi, in quanto la diagnosi precoce e l’individuazione dei fattori di rischio permettono d’intervenire tempestivamente bloccando o limitando  la rapida e grave progressione della patologia.”

“La DMLE ha un impatto sociale rilevante” ha osservato il dottor Fabio Giacomelli, direttore oftalmologia ASL 3 Genovese “sia perché compromette pesantemente la qualità della vita di chi ne è colpito; sia per le previsioni di incremento di nuovi casi dato il progressivo invecchiamento degli italiani.  Informare e prevenire sono perciò basilari.”

Le cause della DMLE sono riconducibili all’invecchiamento e a fattori ereditari, ma anche a particolari condizioni ambientali e stili di vita scorretti tenuti nel corso della vita quali il fumo, la prolungata esposizione al sole, la carenza di antiossidanti e vitamine nella dieta.

Studi scientifici statunitensi e italiani hanno dimostrato che integrare l’alimentazione con carotenoidi e antiossidanti riduce il rischio di progressione della malattia.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: